Eterni saluti – Sul binario morto

Alla stazione della vita 

sul binario morto parte

il treno del non ritorno.

Eterni saluti 

Ombreflessuose

Annunci

72 thoughts on “Eterni saluti – Sul binario morto

    1. Lila, non è il pensiero ma la vita che ci porta a pensare
      Appena parlo col capostazione lo faccio spostare lontanissimo
      Un abbraccio e un augurio per questa festa ( se ci credi)
      Mistral

  1. Certe volte i binari morti sono luoghi di sosta, dove rimanere a pensare a riprendere le forze per correre di nuovo, altre sono il termine della corsa, ma il treno è eterno movimento, e per ogni volta che si ferma, c’è stata prima una partenza, una pazza corsa nel vento, libera, folle, degna di essere vissuta, di certo un viaggio vero, di pelle, di certo preferibile a vecchi treni impastoiati, su binari ritorti, che sferragliano, senza tuttavia lasciare mai la stazione …
    Buona giornata Lady ….

    1. Caro Marco, le stazioni della vita sorgono ovunque
      E i treni arrivano, corrono, partono e vanno in letargo sui binari morti, come la nostra vita che fischia la prima corsa, corre, rallenta e va in riposo.
      Grazie mille
      Un abbraccio
      Mistral

    1. Mi fa tanto piacere, e anche se il pensiero può sembrare triste, non è così…
      Ho descritto a modo mio la parabola della vita
      Grazie, carissima
      Bacioni e auguri per oggi ( se ci credi o meno)
      Mistral

  2. A me non ha fatto pensare subito alla morte…..il treno del non ritorno può essere tante cose e tante storie della vita…..magari un brutto momento….la fine di una storia d’amore…..chissà…magari qualcosa di negativo che finisce e allora si…eterni saluti….che mai ritorni davvero! Comunque Mistral anche se ti riferisci alla morte le tue parole risultano sempre delicate e d’effetto!

    1. Cara Lullina, la tua interpretazione mi piace molto.
      E visto che quella Signora ci tiene all’ oscuro di tutto, tanto vale pensare a una bella sorpresa finale
      Grazie per le tue belle parole
      Abbraccio
      Mistral

  3. Allegri questi versi… Un vero inno alla gioia.
    Il pensiero della morte è un incubo atavico che ci accompagna da sempre.
    E’ un momento che non possiamo eludere e quindi tanto vale affrontarlo con serenica e un filo di allegria.
    Complimenti, Mistral
    Dolce sera
    Un grande abbraccio

    1. Caro Gian Paolo, affrontare l’ argomento morte non piace neanche a me, ma neanche possiamo far finta che non esiste
      Farlo con un po’ di ironia allieta anche Lei
      Un grande abbraccio
      Mistral

    1. Cara Isabella, penso spesso alla morte ma non come un evento terribile e pauroso
      ( anche se la paura c’è) ma come la fine di un inizio, un luogo irreale dove pensieri passati e futuri galleggiano in armonia
      Grazie
      Bacioni
      Mistral

      1. Alla morte penso spesso anch’io da quando ho perso papà, pensa un pò e ne sono passati di anni. Ma quello è stato certamente il momento dove la realtà si è fatta avanti nel modo più doloroso e e dove ne ho avuto più consapevolezza. Da allora ho purtroppo visto morire tanti altri ( amici, parenti ) e ho cominciato a pensare a lei sempre di più, con paura anche ( ma questo soprattutto perchè non è dato sapere quando capiterà).Per il resto mi auguro sempre che possa essere nel modo meno doloroso possibile pensando sempre che ognuno di noi ha la sua storia e come morirà è già segnato. Morire fa parte del resto della vita che è comunque l’avventura più bella che mai ci sia stata regalata. Un forte abbraccio cara Mistral .Isabella

        1. Cara Isabella, la morte nasce con noi, e ci accompagna nel breve passaggio su questa Terra. Non sappiamo se c’ è un dopo ma a me piace pensare che tutti i nostri pensieri e le nostre azioni in vita, siano raccolti i in qualche luogo dell’ universo per essere rimandati di nuovo sulla Terra o in qualche posto a noi sconosciuto.
          Grazie, carissima, un augurio per questa nostra festa ( sia nel credere che non)
          Bacioni
          Mistral

  4. Non è certo una ventata di ottimismo … ma, come sai, cerco sempre di vedere il cosiddetto bicchiere mezzo pieno. Il biglietto di sola andata è anche prospettiva di apertura verso il nuovo, destinazione futura per la nostra vita, nuovi progetti. La trascendenza è parte integrante della nostra esistenza, come la morte.
    Non so se sono riuscita ad aggiungere una valenza in più al tuo messaggio.
    Buona giornata Mistral.
    Un abbraccio
    Primula

    1. Caro Raf, il treno dell’ ultimo viaggio è solo una illusione
      Non si parte mai se non abbiamo un passaporto speciale chiamato Vita
      Nascere e morire eternamente
      Grazie sempre
      Bacione
      Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...