Dimenticate emozioni

Dimenticate emozioni

Dove un giorno senza tempo

giocai ad essere fanciulla

Oggi con la memoria ritorno a voi

 Ombreflessuose

Memorie del borgo
Memorie del borgo
Annunci

82 thoughts on “Dimenticate emozioni

  1. Ed oggi, giochi ancora ad esser fanciulla?
    Forse la poesia è uno di questi momenti.

    Ti abbraccio due volte dolce Mistral: una per quello che scrivi, l’altra per quello che sei stata e che ancora sei.
    Guido

    1. Sempre, quella fanciulla continua a vivere saldamente in me
      Sì, Guido, la poesia mi ha riportato a dare vita quella bambina ormai adulta ma sempre ancorata alle sue radici di fanciulla
      Grazie di cuore, caro Guido
      Ricambio con un bacione
      Mistral

        1. La mia infanzia non è stata un bella passeggiata.
          Ho dovuto fingere di giocare, mentre il cuore addolorato non fingeva per niente
          Grazie di nuovo, sei davvero gentile, Carlo
          Baci baci
          Mistral

  2. Adoro scorci come questo… mura antiche, solide, che ispirano protezione. E all’improvviso un arco si protende al di sopra dei passanti, a fare da congiunzione fra i due lati della via, non divisi ma uniti, con esso, in un abbraccio. Stradine così mi ricordano Perugia, Orvieto, l’Umbria tutta, luoghi semplici e magici che hanno attraversato i secoli e dove ho lasciato un po’ di me.
    Stradine così se ne incontrano pure nei borghi delle “mie” colline, fra Langhe e Roero. E se le cercassi, sono certo che ne troverei in tutti i borghi del nostro bel Paese. Rappresentano un tessuto connettivo che ci fa sentire uniti anche se distanti, da un capo all’altro della penisola.
    Grazie, Mistral carissima, per aver voluto condividere questo frammento della tua infanzia. E’ ancor più bello, accompagnato dai tuoi versi, scheggia luminosa di memoria che piega lo spazio e sospende lo scorrere del tempo. E che ci avvicina.
    Un abbraccio
    Dario

    1. Ullalà che bel commento, caro Amico
      Quelle stradina della mia infanzia, dimenticata come un oggeto insevibile nella cantine di tanti cuori è la mia incancellabile Memoria
      Grazie infinite, Dario ❤
      Ti abbraccio
      Mistral

      1. Prego, cara Mistral, non c’è di che 🙂
        Or non rammento né dove né quando, ma una volta lessi che ciò che facciamo nella nostra vita, in definitiva, quasi come se ne fosse lo scopo ultimo, è costruire ricordi. La memoria è un bene infinitamente prezioso, ciò che abbiamo amato e di cui serbiamo il ricordo continua a vivere, in noi e attraverso di noi. E in fondo, io credo, sono i nostri ricordi a definirci. Se penso a me stesso, non so cosa sarei senza i ricordi migliori della mia infanzia. Più povero, senz’altro. Più freddo e distaccato, è probabile. Mamma mia che brutto sarebbe!

        Buon weekend, Cara Amica, e a presto.
        Altri ricordi, e la condivisione che avremo in animo farne, ci attendono.

        1. Carissimo, la vita, senza memoria, almeno questa vita, perderebbe significato
          Come un fiore bellissimo ma senza che nessuno ammiri la sua bellezza
          Nel mio caso, alcuni ricordi non mi danno pace ma se non ci fossero, io non sarei qui
          I ricordi della mia infanzia/adolescenza sono i più vivi , mi aspettano sempre nel loro regno ancora imumutato
          Ti abbraccio con affetto
          Mistral

          PS: ultimamente la posta mi dà problemi e anche il pc…ma non dimentico
          Buon weekend Amico Caro
          Mistral

  3. Che bei versi… non essendo più giovanissimo mi capita di percorrere alcune strade e ripensare a come erano anni fa e a come sono cambiato anche io, insieme a loro…
    Buona settimana.

  4. eh si!la nostra fanciullezza,tante e tante volte ritorno indietro nel tempo e continuo a pensare alla mia innocente puerizia.Abbraccio.
    Alberto

  5. Una strada di pietra che conduce verso uno scorcio verde…significativa questa immagine a corredo della tua avvolgente e bella riflessione, Mistral! Nulla si perde delle nostre emozioni, basta così poco per ritrovarle, a volte una immagine! Buon fine settimana e un raggio di sole.

  6. Da fanciulli si vive intensamente l’attimo e il tempo non esiste: sono quelle le emozioni più vere che restano dentro di noi e che è sempre dolce ricordare. Sei sempre bravissima a condividere il tuo cuore con noi che ti leggiamo.
    Un bacione. ❤

  7. Per me l’emozione è come uno strumento musicale: distinguere le note, entrare negli accordi, cercare l’armonia……..quando questo accade il tempo si dilata, ci sembra di lenire la nostra inquietudine, di poter proiettare i nostri desideri al di fuori del tempo e dello spazio.

  8. si va, e si torna, in un continuo ciclo di vita e di memoria…
    mi piacciono molto le pietre, da sempre, sono vissuto cercando e amando quelle case fatte di mattoni che anno visto più vite di quante ne possiamo contare, camminando su strade che conducono da un luogo a un altro che sono dimensioni senza tempo…
    Un abbraccio, Mistral
    Piero

    1. Caro Piero, in fondo alla stradina c’era la casa della mia infanzia: non era grande, né comoda
      Ma aveva il sapore di un temppo senza fine. Ma la vita è carogna… anche se per certi versi bella
      Grazie,carissimo
      Ti abbraccio
      Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...