Avevi gli occhi ancora bambino – Natale

L’ho sentito.

Nella prima neve sui rami attoniti

Tra gli spifferi delle case povere

Nel freddo gelido dei cartoni umani

Ti ho  visto vivo, vero, sincero;

sui volti stanchi della gente ingenua

T’ho riconosciuto, Natale 

Avevi gli occhi ancora bambino.

Mi  guardavi col presepe in mano

Ombreflessuose

20151212_072643
Gli occhi del Natale bambino
Annunci

78 thoughts on “Avevi gli occhi ancora bambino – Natale

  1. Il Natale non è soltanto la nascita del Bambino – Gesù
    il suo ingresso nella storia
    Ma anche ( e la tua poesia lo rileva ) la rinascita del “fanciullino ” che è in ogni essere umano
    e specialmente nei poeti che sono i più sensibili ( e perciò anche i più fragili )

    ( grazie per lo spunto che mi hai dato per questa mia breve riflessione )

    1. Caro Isidoro, condivido molto il tuo bel pensiero
      Il Natale è la riscoperta di quel cuore fanciullo, perso nel tempo tra gli affanni della vita
      Grazie veramente a te e Buon, Santo Natale

      Mistral

  2. Il Natale della nostra infanzia è quello che ci rimane dentro. Il vero Natale io lo vivo sempre solo con i bambini.
    Dolcissima poesia che mi avvicina ancora una volta al tuo modo di sentire cara amica.
    Un bacione.
    Aurore

    1. I bambini sono forse, ancora la nostra speranza di rivedere quel Natale perso tra i consumi e le futilità
      Io ci credo ancora per me e in particolare per te, cara Aurore
      Un forte, sincero abbraccio di Buon Natale ❤
      Mistral

  3. Un’aria speciale, che risveglia in noi pensieri cari d’un passato, che cerchiamo sempre di rivivere con la medesima spiritualità
    Molto bello leggerti cara, felice sera

        1. Le giornate, vedo, che non hanno più ( per ora) nemmeno quella atmosfera climatica di Natale
          Speriamo che qualche fiocco ci venga in aiuto
          Buona giornta, carissmo
          Baci da Mistral

        2. Ho perso il conto degli auguri e dei contraccambi. Quindi ti auguro di trascorrere le prossime festività in serena letizia con tutti quelli a cui vuoi bene.
          Un grande abbraccio
          Gian Paolo

  4. Magari fossimo ancora capaci di guardare al Natale con occhi di bambini.
    Ma chissà, a volte queste piccole magie capitano, così, per caso.
    Un abbraccio, cara Mistral, e buon fine settimana!
    Dario

      1. “Non esiste anima pura che non ami il rito del Natale e le sue radiose manifestazioni all’insegna della spontaneità”. L’ha scritto Massimo Gramellini, quest’oggi, e trovo che sia davvero appropriato 🙂
        Un forte abbraccio
        Dario

        1. Sì, Massimo Gramellini ha pensato e scritto il vero per me
          Putroppo ha un difetto, questo pensiero sublime: oggi, la Purezza non di trova più dentro cuori e anime di buona volontà
          Grazie, di cuore, caro Dario
          Verrò presto a leggerti
          Bacione
          Mistral

        2. Caro Dario, osservo, guardo, cerco ancora in questo calderone di superficialità: la Semplicità ( scusa la rima)
          Ma, credimi, è davvero molto difficile
          Non so, forse, sono prevenuta oppure non cerco bene
          Bacioni
          Mistral

        3. Cara Mistral, mi sa che sono un po’ prevenuto anch’io, o forse, in questo mondo di stolidi zombie e di folli vampiri, noi siamo leggenda, come scriveva il buon Matheson già ben sessant’anni fa. Ma non disperiamo di trovare ciò che cerchiamo, la magia sta nel viaggio, dunque nella ricerca, anche se non dovesse mai approdare a nulla. Ma se così alla fine non fosse, pensa, che festa sarebbe!
          Un sorridente augurio di buona giornata
          Dario

        4. Hai ragione, caro Amico
          E’ nel Viaggio che sfioriamo essenze mai viste prima
          In quel viaggio che ci lascia sempre un passaggio spalancato alle Favole
          Sono pronta a festeggiare anche se i miei tanti dubbi, mi fanno rimandare a tempo indeterminato i festeggiamenti
          Grazie di ❤
          Ti abbraccio
          Mistral

  5. I momenti belli vissuti, non ti abbandonano mai e quelli che riuniscono le persone sono sempre ricordati. Infatti l’ingenuità del natale e il suo candore, simili ad un bambino, conducono verso l’amore … peccato che molta ipocrisia si celi dietro questa festa che andrebbe ricordata, non per la nascita simbolica ma per un occasione per rivivere il valore ella famiglia. Un abbraccio vero dall’amico Raf

    1. Come hai ragione, carissimo Raf
      Questa festa, amata un tempo, dalla gente vera, ricca di spontaneo affetto
      Faticosamente povera ma contenta nell’ aspettare le nascita di un do bambino
      Oggi, quella gente, vive soltanto nei ricordi di un Natale bambino
      Un bacio grande
      Mistral

  6. Di una delicatezza estrema, nelle tue parole ho incontrato il vero Spirito del Natale… lontano dai luccicanti clamori, ovunque ci sia sofferenza e Verità.
    Bellissima Mistral, mi ha commossa profondamente. Se me lo consenti utilizzerò questa tua Poesia (ovviamente completa della tua firma) per accompagnare i biglietti d’Auguri per i miei amici più cari…

    Un Abbraccio e tanta magia, per questi giorni di riflessione e di Festa.

    1. Cara Chandra, grazie di cuore, è un onore per me tale gesto
      Da molti anni non Sento più la festa del Natale: scontata, vuota, addobbata da Luci ingannevoli e parole affettate
      Oggi, per un amomento, lho sentito tra i ricordi di un mondo semplice, povero, ingenuo, doloroso ma tanto tanto vero
      Il mio Natale con gli occhi bambino
      Un abbraccio a te con ancora l’ innocenza di una festa sentita e sincera
      Mistral

      1. Conosco le tue difficoltà perché purtroppo anche io ho perso per strada lo Spirito del Natale per le stesse ragioni… ma Il tuo Natale con gli occhi di bambino è bellissimo, tienilo stretto e non fartelo mai portare via, e per nessuna ragione!

        Grazie per aver approvato la mia richiesta, ne farò l’Augurio migliore che possa fare a me stessa e a tutti i miei amici! 🙂

        Che sia possibile almeno dentro di noi, lontano dal freddo e dall’ostentazione di animi ipocriti.

        1. Sono io che rimgrazio te, cara e gentile Chandra
          Spero di trovare ancora un posticino, forse, celato neggli anni, che possa illuminare, il mio ssempre desiderio del Natale bambina
          Un augurio di cuore, esteso anche a te
          Con un affettuoso abbraccio ti auguro il Natale che desideri <
          Mistral

  7. mi ricorda qualcosa della genuinità di pasolini, quando diceva dei sentimenti antichi, dell’odore della terra, quando le sovrastrutture del consumismo non avevano ancora reso i sentimenti vittime dei desideri.
    Bel modo di augurare buon natale, cara Mistral, davvero molto bella quasta poesia.
    un bacio,
    Piero

    1. Grazie, caro Piero
      Sono stanca di vedere il Natale ridotto così: senza considerazione, senza limiti di sciocchezse , senza Amore
      Sono studa di ascoltare discorsi mangiarecci, regali, feste, carelli carichi di tutto tranne che d’Amore
      Ho voglia di poco: di Pane e Natale
      Grazie sempre
      Un bacione anche a te
      Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...