Scale ingrate – Ogni passo di me vi ho lasciate

Scale ingrate

A una a una vi ho amate

Saltate e salutate negli anni

del mio passato

Scale ingrate.

Ogni  passso di me vi ho lasciate

Orme senza tempo,

dei miei ricordi più belli

  Ombreflessuose

 

Scale ingrate di Ombreflessuose
Scale ingrate di Ombreflessuose
Annunci

56 thoughts on “Scale ingrate – Ogni passo di me vi ho lasciate

  1. Anch’io ho salito (o sceso) scalini come questi, un tempo. E ci ho giocato, anche. Un po’ mi mancano; come credo capiti a tutti, avverto nostalgia di certi momenti di gioventù, semplice e spensierata. Grazie per avermeli fatti ricordare, cara Mistral.
    Un abbraccio
    Dario

  2. Se quella gradinata è diventata ingrata è perché i ricordi piacevoli che ha suscitato adesso sono sgradevoli.
    Ma il ricordo deve essere comunque intatto.
    Serena notte
    Un grande abbraccio
    Gian Paolo

  3. E’ bellissima, Mistral, una grande emozione, mi ha fatto rivivere le “mie scale”, fatte di salite e discese, per poi risalire ancora con forza, tenacia, coraggio. Sento come se una mano mi stringesse lo stomaco, tanto ho vissuto mia la situazione descritta con i tuoi versi. Sei davvero molto brava. La tua poesia in generale mi piace molto, perché esprime gli stati emotivi della natura umana in maniera lineare, chiara, senza “sottotesto”. Colpisce in maniera diretta la sfera emozionale, senza il bisogno, per chi legge, di cercare un significato recondito, nascosto tra le righe, innescando un processo di immedesimazione istintivo e immediato, meraviglioso. Grazie per questi doni preziosi che ci fai. Un abbraccio. 🙂 ❤ 🙂

    1. Cara Marianne, grazie davvero
      E’ talmente bello il tuo commento che non oso rispondere se non con queste poche parole
      I miei scritti hanno nel loro DNA, la Semplicità del Sentire, cercando sempre di sfiorare emozioni che la vita mi ispira nel bene e non
      Un abbraccione ❤
      Mistral

  4. Ciao, mi chiedevo se avessi una pagina o un profilo Facebook anche, ne ho creata una mia ieri sera e mi farebbe piacere vedere persone con cui condivido la scrittura seguirmi anche lì, a maggior ragione tu che apprezzi sempre quello che scrivo, un saluto…

    1. Caro Luca, ciao anche a te
      Non ho una pagina Fecebook ma,
      considerato ciò che scrivi e la tua bella Anima, continuerò a seguirti con piacere sul tuo blog
      Poi…mai dire mai
      Buona Epifania con abbraccio
      Mistral

  5. Ingrate……come il cuore
    Catarí’, Catarí’…
    pecché mm”e ddice sti pparole amare?!
    Pecché mme parle e ‘o core mme turmiente Catarí’?!
    Nun te scurdá ca t’aggio dato ‘o core, Catarí’…
    Nun te scurdá…
    Catarí’…
    Catarí’, che vène a dicere
    stu pparlá ca mme dá spáseme?
    Tu nun ce pienze a stu dulore mio?!
    Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure…

    Core, core ‘ngrato…
    T’hê pigliato ‘a vita mia!
    Tutto è passato…
    e nun ce pienze cchiù.

    Catarí’, Catarí’…
    tu nun ‘o ssaje ca fino e ‘int’a na chiesa
    io só’ trasuto e aggiu pregato a Dio, Catarí’…
    E ll’aggio ditto pure a ‘o cunfessore: “Io stó’ a murí
    pe’ chella llá…
    Stó’ a suffrí,
    stó’ a suffrí nun se pò credere…
    stó’ a suffrí tutte li strazie…”
    E ‘o cunfessore, ch’è perzona santa,
    mm’ha ditto: “Figliu mio lássala stá, lássala stá!…”

    Core, core ‘ngrato…
    T’hê pigliato ‘a vita mia!
    Tutto è passato…
    e nun ce pienze cchiù.

    …a poi

    1. Queste scale , caro Guido, mi hanno vista bambina e poi adolescente
      Su e giù con lascrime e qualche sorriso
      Ma ora, non mi riconoscono più
      Grazie, sempre gentile per le mie Cose
      Abbraccio da Mistral

  6. Ci sono scale che abbiamo percorso e su cui abbiamo giocato e chiacchierato con gli amici nella nostra infanzia e sono legate a bellissimi ricordi. Loro però non serbano il ricordo delle nostre orme o delle nostre “ombre”, sono così “ingrate”, di fredda pietra. Ma quello che conta è ciò che resta nei nostri cuori e anche ripasassare su quelle scale può risvegliare dolci emozioni. Sai sempre cogliere tanti dettagli di vita cara Mistral.
    Un bacione e buona Epifania per domani. 🙂

    1. Cara Aurore, tutto ciò che scritto l’ approvo in pieno
      Ma, a volte, Loro, quelle scal,e soffrono in silenzio per non essere più saltate e salutate.
      E fanno finta di non ricodare le belle ore passate a giocare

      Grazie dal mio ❤ e Buona Epifania, cara Amica
      Bacione
      Mistral

  7. La nostra vita è una lunga scala che percorriamo in salita e mai in discesa ed ogni esperienza è un ricordo, amaro, dolce, vivo, struggente è parte di noi che abbiamo lasciato perché quella scala è il nostro passato, ogni gradino il nostro presente e quelli da salire il nostro futuro. Kiss da Raf

    1. Notevole e vero, il tuo pensiero, caro Raf
      Ogni orma di quel passato risuona di amara nostalgia
      Là, su quelle scale, ho lasciato la mia infanzia e i passi delle persone a me più care
      Grazie Amico mio che il tuo futuro ti sia veramente un Amico dolce e sincero
      Bacio grande
      Mistral

  8. Scale, ricordi.
    La fatica di salire i gradini, uno ad uno, della vita.
    I giorni.
    Belli.
    Brutti.
    Come i salti felici.
    O gli inciampi.
    Scalini.
    Scale.
    Ricordi.
    Memorie.

    Un caro abbraccio.
    Piero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...